Ferrara, custode del tempo

Travel diaries

E poi c’è stata la volta di Ferrara

Andare

Smarrendosi per il centro rincorrendo la storia

Ero lì ferma a osservare il castello Estense inseguendo le orme di Giorgio Bassani

In “Una notte del ’43” Bassani descrive l’eccidio del Castello, una fucilazione in piena regola di undici persone da parte dei fascisti.

Nell’autunno del ’43 Igino Ghisellini divenne federale della città. Qualche mese dopo venne ritrovato morto in un fosso con sei colpi di pistola.

Vennero così arrestati 74 cittadini ferraresi antifascisti o considerati avversori del regime.

Tra di essi ne vennero individuati 11  che furono fucilati all’alba del 15 Novembre di fronte al muretto del Castello in corso Martiri della Libertà.

E mentre sono lì a pensare a come potesse essere, si ferma un uomo, William B., ha uno sguardo lontano «C’era un po’di nevischio. Passavo di lì. Allora avevo 19 anni. Il farmacista era alla finestra. La testimonianza fu ben diversa…»

La storia ci insegue

Storie di sangue e corruzione dell’animo umano

Storie di silenzi e assenze

Storie da ricordare

 

Disegni di Diana Carolina Rivadossi

Testi di Diana  Carolina Rivadossi e Paola Carotti

Share This: