Dreams on my skin

Digital paintings, Illustrations

Share This:

Shaman studies

Blog, Sketches

Playing with shapes

Playing with shadows

just thinking on how to create a shaman woman with deer’s horns

 

Share This:

Neya is here

Sketches

Neya

We were there

in the past

in the future

Wherever you want to look for me

Some drawings of Neya.

A creature of mine.

A creature of yours.

Come and over

Share This:

A destiny a fate

Digital paintings, Illustrations

 

I met you in the deep sides of my mind

When the shadows meet the light

In the line that a form takes when it touches another form

DCR

Share This:

In the forest

Digital paintings, Illustrations

Somewhere a long time ago

There was a fair. She was high as my finger.

She was the guardian of the forest.

I met her there. I was 11 years old and I didn’t believe in tales

Share This:

Il nettare degli dei

Digital paintings, Illustrations

Il nettare degli dei

 

Zeus, sotto la forma di un’aquila beve l’ambrosia, il nettare degli dei.

La coppa, tenuta tra le mani della figlia Ebe, allevia le fatiche e i doveri del padre regalandogli forza per l’eternità in un giardino dai prati verdeggianti che declinano verso il rosso dell’autunno.

Una morte non morte, una fine che vede una rinascita.

Il destino degli dei così affini e simili agli esseri umani e così distanti dalla caducità del tempo e dello spazio. Un’Arcadia ancora viva e pulsante, un luogo in cui fuggire e ritrovarsi.

 

“Bevi, immortale.

Il tempo scorrerà ma non nelle tue vene

E tu vivrai perdurando nei secoli a venire

fino a quando  il tuo ricordo avrà memoria”

DiCaRi

 

 

Share This:

In love with sketching

Sketches

Sketching

All my inner world

All the unbconscious, the nonsense and the untold

Drawing is a kind of hypnotism.

Pablo Picasso

Share This:

Digital paintings

Digital paintings, Illustrations

Along the years I tried to focus on the characters developing a technique that could imitate the traditional media.

Here some exemples of digital art

Share This:

Humanitas

Digital paintings, Illustrations

 

Mi sono spesso trovata a pensare all’origine del disegno.

Il concorso “Il suono del silenzio” mi ha fatto riflettere su come creare un fumetto illustrato senza utilizzare le classiche nuvolette che racchiudono pensieri e frasi dei personaggi.

Il pensiero è andato alla preistoria, agli uomini primitivi, alla nascita dei segni precursori della parola.

All’inizio volevo disegnare un uomo primitivo che osserva il fuoco con le sue faville e i suoi bagliori, immaginandolo a fantasticare sulle stelle. Lo vedevo alzarsi e andare a lasciare la sua impronta sulla parete della caverna.

La prima impronta, il primo gesto dell’umanità. Il primo segno nella Storia.

Qualcuno dovrà ben avere iniziato.

Io credo che in ogni invenzione, in ogni scoperta vi sia u precursore, qualcuno che inventa, che crea qualcosa dal Nulla. Questa cosa mi affascina, mi incuriosisce.

Come sarà successo? Cosa avrà pensato?

 

 

Alla fine ho pensato di renderla più contemporanea, più presente e così ho immaginato un ragazzo entrare nelle grotte millenarie e scoprire le pitture rupestri, osservando i cavalli, immaginando a correre con i bisonti in una corsa frenetica addentrandosi sempre più nella storia, nella gola della Terra, alla radice della nostra umanità e poi eccola. La figura di una mano.

Gli antichi posavano la mano sulla pietra e vi soffiavano intorno una polvere di ocra rossa.

Non era solo la nascita dell’arte intesa come raffigurazione. Era anche la nascita dell’inconscio raffigurato, della dualità, dell’affermazione di esistere.

Io esisto perché sono e quella mano è il mio sdoppiamento, la mia seconda metà.

La nascita dell’uomo, della psicologia che si lega alla nascita del linguaggio e all’origine dell’identità.

Humanitas. La nascita dell’umanità in quanto essere pensante.

Il presente collegato al passato.

Qualcuno diceva… Per sapere chi sei devi sapere da dove vieni.

DiCaRi

 

Share This:

White roses

Digital paintings, Illustrations

Share This: